Monthly Archives: November 2010

… gente viene qui e ti dice …

non sta a me liberarti, è mio dovere, semmai, metterti in condizione di poterlo fare autonomamente… …quale che sia il giogo dal quale credo che tu possa aver bisogno di liberarti, sempre che tu volendolo sia in grado di farlo; … Continue reading

Posted in lampi di follia | Leave a comment

I’m nobody! Who are you?

I’m Nobody! Who are you? Are you – Nobody – Too? Then there’s a pair of us! Don’t tell! they’d advertise – you know! How dreary – to be – Somebody! How public – like a Frog – To tell … Continue reading

Posted in per non dimenticare | Leave a comment

insicurezze…

il luogo più sicuro della mia infanzia (se non della mia esistenza)? … il divano della casa dei miei genitori! [citando “Chiedo Scusa”, § cinque, Francesco Abate e Saverio Mastrofranco]

Posted in lampi di follia | Leave a comment

graffiti…

tatuatevi il cuore o, al limite, la mente, ma non la pelle, per cortesia.

Posted in lampi di follia | Leave a comment

rivoluzioni…

la verità è rivoluzionaria [citando una citazione di Salvo]

Posted in lampi di follia | Leave a comment

cammini… e cabasisi.

[21:40] in fondo la nostra esperienza di vita è simile ad un cammino (alzi la mano chi sa quale cammino, o via lattea, che dir si voglia), c’è chi vive lentamente, e chi lo fa velocemente (volente o nolente), ma … Continue reading

Posted in lampi di follia | Leave a comment

story teller…

quale che sia la morte di cui dovrò morire, l’unico rammarico che ho è che dopo non potrò raccontare come è andata.

Posted in lampi di follia | Leave a comment