prima, durante e dopo…

ci sono due modi di guardare al paesaggio: quello del viaggiatore curioso che cerca di seguire con lo sguardo i profili degli orizzonti che gli si parano davanti ed i percorsi che li inseguono, e lo sguardo invece di chi quegli orizzonti e quei percorsi vive in diretta, sentendoli scorrere sotto i propri piedi e dentro le proprie gambe… con il vantaggio, a differenza del primo, di poter godere di entrambi i piaceri, del disegnare con la propria immaginazione prima, e del vivere con il proprio corpo durante… ma non solo, gode anche di un terzo piacere, quello di potersi voltare, guardare in dietro e ridisegnare con la propria memoria (di muscoli e neuroni) dopo… e quest’ultimo piacere può… può!

secondo voi a quale specie animale appartengo?

l’evento scatenante?
piero angela, ti amerò per sempre, la scienza dell’amore…
Ci sono infatti due modi di guardare all’amore: quello del viaggiatore curioso che cerca di capire quali sono i fili che muovono queste passioni, e lo sguardo invece di chi queste passioni le vive in diretta, sentendole scorrere dentro le proprie vene.

This entry was posted in lampi di follia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s