…o forse no?

ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti
e le tue risate pulite e piene, quasi senza rimorsi o pentimenti,
ma come vorrei avere da guardare ancora tutto come i libri da sfogliare
e avere ancora tutto, o quasi tutto, da provare…

Culodritto, che vai via sicura, trasformando dal vivo cromosomi corsari
di longobardi, di celti e romani dell’antica pianura, di montanari,
reginetta dei telecomandi, di gnosi assolute che asserisci e domandi,
di sospetto e di fede nel mondo curioso dei grandi,

anche se non avrai le mie risse terrose di campi, cortile e di strade
e non saprai che sapore ha il sapore dell’uva rubato a un filare,
presto ti accorgerai com’è facile farsi un’inutile software di scienza
e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza…
Culodritto, cosa vuoi che ti dica? Solo che costa sempre fatica
e che il vivere è sempre quello, ma è storia antica, Culodritto…

dammi ancora la mano, anche se quello stringerla è solo un pretesto
per sentire quella tua fiducia totale che nessuno mi ha dato o mi ha mai chiesto;
vola, vola tu, dov’io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto…
vola, vola tu, dov’io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto, da sbagliare…

una fitta al cuore, errori passati, presenti e futuri (?), pur sempre errori, pur sempre miei, pur sempre… avere ancora tutto o quasi tutto da sbagliare…

…o forse no?

ricordando e citando marco paolini
adulto è il participio passato di adolescere: colui che ha finito di crescere io oggi conosco molti più adulteri che adulti, adulteri soprattutto di se stessi ovviamente….
… A voi dico: dichiaratevi adulti, fate auting, rinunciate all’idea di giovinezza venduta quotidianamente, perché c’è una confusione oramai genatica.
adulto è colui che si è giocato delle possibilità e deve vivere con quello che ha! …il resto si è seccata, quello che sei in potenza da giovane non c’è l’hai più dopo, se non capisci questo ed impedisci a chi viene dopo di superarti, perché tu, cullato dal sogno dell’eterna giovinezza, rubi quello che è prodotto da chi viene dopo di te, indossandolo in vario modo, tu crei un blocco che impedisce di leggere e vivere la realtà …. dichiaratevi adulti, prendetevi delle responsabilità.

anguillara - 2005

…forse è meglio di no.

This entry was posted in lampi di follia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s