kamchatka…

non mi so difendere da me… ormai sono pieno di debiti con me… più che altro con il mio corpo (in particolare le caviglie), visto e considerato che ormai la testa è andata e non sembra avere intenzione di tornare. però, dopo tutto, ma chi se ne frega? l’importante è crederci fino in fondo. pensaci bene keaton. probabilmente siamo il risultato di un’anomalia di qualche miliardesimo di secondo in un universo uniforme infinito ed eterno… una meravigliosa anomalia che ha condotto a noi, esseri in grado di amare e odiare, di dare la vita e toglierla, di chiederci perché o accettare tutto per necessità (e paura)… pare strano anche a te, vero? succede, dico io, è successo e tiro dritto avanti a me, tanto so che a guardarmi dietro ci pensa l’altro me.

This entry was posted in lampi di follia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s